In risposta alla crescente domanda di auto elettriche a lungo raggio in Belgio, il produttore cinese di auto elettriche Aiways e Cardoen, il suo partner esclusivo per la rivendita e l’assistenza nel Paese, dal mese di gennaio 2021 hanno presentato congiuntamente il modello U5 di Aiways presso lo showroom di Cardoen a Wilrijk, vicino ad Anversa. Si tratta di un suv compatto a batteria completamente elettrico, che l’azienda di Shanghai ha portato sul mercato europeo nel 2020. “Abbiamo scelto Aiways perché ci concentriamo sui consumatori privati che devono coprire in autonomia le spese dell’auto”, ha spiegato a Xinhua Ivo Willems, direttore commerciale di Cardoen Autosupermarkt, per poi proseguire: “Aiways offre la massima qualità ad un prezzo basso. Questi veicoli hanno un futuro molto luminoso nel nostro Paese”.
    Quest’ultimo accordo con Aiways rappresenta un incoraggiamento in termini di fiducia anche per Cardoen, che è già la più grande società di vendita di auto online in Belgio. Dal 2023, la deducibilità fiscale delle auto a benzina e diesel utilizzate per scopi commerciali sarà gradualmente ridotta nel Paese europeo dove i tassi di deducibilità scenderanno allo zero per cento entro il 2028. Dal 2026 invece saranno deducibili al 100% solo i costi relativi alle auto aziendali a zero emissioni – che includono i nuovi veicoli elettrici. Questo tasso verrebbe gradualmente ridotto a meno del 70% entro il 2031. Sin dalla sua fondazione nel 2017, Aiways ha dato la priorità al rispetto degli standard europei, motivo per cui potrebbe diventare il primo produttore di auto cinese a irrompere nel mercato europeo dell’elettrico. Ad oggi, Aiways ha esportato più di mille veicoli nell’Unione europea e nel Medio Oriente. Il modello U5 è già in vendita in Francia, Germania, Paesi Bassi, Israele e Belgio, e presto sarà lanciato anche in Svizzera, Danimarca e Norvegia.Dal 2026 invece saranno deducibili al 100% solo i costi relativi alle auto aziendali a zero emissioni – che includono i nuovi veicoli elettrici. Questo tasso verrebbe gradualmente ridotto a meno del 70% entro il 2031.
    Quanto ai veicoli per il trasporto merci, questi non sono soggetti a tali agevolazioni dato che solo le automobili sono disciplinate da regolamentazione. Di conseguenza, secondo Nai Tongtao, rappresentante capo del marketing di Cardoen Autosupermarkt, il mercato è destinato a un’ulteriore crescita.
    Sin dalla sua fondazione nel 2017, Aiways ha dato la priorità al rispetto degli standard europei, motivo per cui potrebbe diventare il primo produttore di auto cinese a irrompere nel mercato europeo dell’elettrico.
    Ad oggi, Aiways ha esportato più di mille veicoli nell’Unione europea e nel Medio Oriente. Il modello U5 è già in vendita in Francia, Germania, Paesi Bassi, Israele e Belgio, e presto sarà lanciato anche in Svizzera, Danimarca e Norvegia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA